Il Territorio

Roscigno è un Comune di circa 860 abitanti, situato nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, in provincia di Salerno, oggi suddiviso tra Roscigno Vecchia e Roscigno Nuova.
Il nome del paese è una derivazione dalla dizione dialettale “russignuolo”, vale a dire usignolo. Storicamente deriva da Russino, citato in alcuni documenti del 1086, custoditi presso l’Abbazia della Santissima Trinità di Cava de’ Tirreni.

map

ROSCIGNO VECCHIA – Museo a cielo aperto
Roscigno Vecchia è detta la “Pompei” del ‘900 e conta ben 20.000 turisti l’anno. La frazione è completamente disabitata a causa di diverse frane, verificatesi nel tempo. La fragilità del terreno, infatti, ha purtroppo costretto da sempre i suoi abitanti al “nomadismo”. Tra le varie frane, che si ipotizza abbiano colpito il paese, ce ne sono state almeno tre documentate: una nel XVI sec., un’altra nel 1770 circa e l’ultima intorno all’anno 1902. Due ordinanze, infatti, del genio civile obbligano la popolazione al trasferimento nell’attuale ubicazione del paese, Roscigno Nuova. La migrazione forzata dalle zone più basse del centro storico verso la località nominata “Piano” ha generato il mito del “paese che cammina”. Questo antico borgo è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.

Nel centro storico troviamo le case dei contadini, le antiche botteghe, la fucina del fabbro, le cantine, le stalle e l’elegante settecentesca Chiesa di San Nicola di Bari, ormai sconsacrata. L’atmosfera spettrale, misteriosa e triste al tempo stesso del paese lo ha reso set elettivo di diversi film, discretamente conosciuti.

I locali restaurati dell’ex casa canonica e del vecchio municipio ospitano il Museo della civiltà contadina, che espone testimonianze di vita e gli arnesi di lavoro della gente di Roscigno: l’esposizione è allestita in sei sale, ciascuna dedicata alla riproduzione di un ciclo lavorativo (viticoltura, olivicoltura, allevamento e produzione del formaggio, il ciclo del grano, la lavorazione della lana, la produzione del pane, la casa).